GTT | Giusto il tempo di un tè

Giusto il tempo di un tè è un progetto collettivo nato nel gennaio del 2015, dedicato alla sperimentazione multidisciplinare e fondato su una pratica conoscitiva processuale.
Il progetto è condotto da un gruppo eterogeneo di artisti, storici dell’arte, docenti, architetti, giornalisti, coreografi, grafici.

Illen Aria / Luciana Berti / Gianmarco Biele / Clelia Borino / Erika De Gennaro / Ilaria Giuliano / Marco Donisi / Flaviano Esposito / Vittoria Pavesi / Carmine Ranaldo / Mario Francesco Simeone / Domenico Sgambati / Ninì Sgambati / Alexander Valentino

Il laboratorio ha una natura mutevole e opera come dispositivo di attivazione relazionale, proponendo incontri itineranti dedicati a termini specifici, quali nomadismo, immagine, narrazione, confine, sincretismo.

Ogni appuntamento affronta argomenti e temi specifici del luogo in cui è realizzato, mantenendo la struttura leggera di un incontro intorno all’assaggio di una tazza tè, nel tentativo di immaginare modalità di racconto fluide, alternative agli schemi narrativi in uso, per realizzare un’esperienza orientata dall’interazione e dallo scambio di idee e contenuti.

Con il progetto Tre tigri contro tre tigri – Taprobane, Giusto il tempo di un tè ha vinto l’edizione 2016 del concorso Arte, Patrimonio e Diritti Umani, indetto da Connecting Cultures e Fondazione Ismu, sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *